Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 28 Dicembre 2014

"La Warner Bros. credeva che "Batman Returns" fosse troppo strano e non si fidava più di me per completare il blocco di quattro film della saga perché avrei compromesso il merchandising per i bambini e anche la vendita di Happy Meals da McDonalds"

Tim Burton

Tim Burton ha rivelato di non aver diretto un terzo "Batman" perché la Warner Bros. pensava che Batman Returns fosse troppo strano. In realtà, a un generico confronto con le incarnazioni più tenebrose del personaggio a opera di Nolan, è il caso di affermare che la versione di Tim Burton è decisamente più peculiare, più vicina a vicende reali e convenzionali. Ma, a quel tempo, quei film erano visti ampiamente come alterazioni assai rischiose al franchise che aveva serie limitazioni dal punto di vista delle licenze artistiche. 

Avvia la prova gratuita su MUBI

I film di Burton, insomma, non potevano diventare troppo dark o avrebbero messo così a rischio le possibilità di spingere sul mercato dei bambini giocattoli vari, indumenti intimi e altri prodotti marchiati con il simbolo di Batman. Secondo il regista più dark del cinema contemporaneo, egli non fu invitato ancora alla regia della saga di Gotham perché non aveva la fiducia della produzione a lungo termine, cioè sul pacchetto di quattro film completato poi negli anni Novanta e di cui lui aveva firmato i primi due.

"Credo di aver innervosito McDonalds, - dice Burton a Yahoo! sulla sua assenza nel terzo film di Batman - mi hanno chiesto cos'era quella roba nera che usciva dalla bocca del Pinguino e che non potevano vendere gli Happy Meals con quello! Fu una strana reazione a Batman Returns, perché metà della gente pensava che fosse più leggero rispetto al primo e l'altra metà che fosse più dark. Penso che lo studio credesse semplicemente che fosse troppo strano e che volesse procedere con qualcosa di più family-friendly. In altre parole, non volevano che ne facessi un altro".

[Leggi anche: Batman V Superman: Ben Affleck risponde alle accuse dei fan]

E, almeno inizialmente, la Warner desiderò allargare il suo target: Batman Forever del 1995 ebbe il più alto incasso della storia nei cinema durante il weekend d'apertura fino a quel momento, superando Batman Returns, e fu considerato un grande successo anche se i critici non apprezzarono il lavoro. Malgrado gli incassi i fan non furono felici del risultato; poi seguì Batman & Robin nel 1998 e fu quasi un disastro.

Il primo blocco terminò così, nel declino, e Batman avrebbe dovuto aspettare Nolan per risollevarsi. Chissà cosa sarebbe successo se Burton avesse proseguito il suo lavoro sugli altri due film.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box