Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 11 Gennaio 2016

Il pluripremiato Aaron Sorkin, sceneggiatore di pellicole come "The Social Network" di David Fincher e "Steve Jobs" di Danny Boyle, dirigerà "Molly's Game", biopic della regina del poker clandestino Molly Bloom

Aaron Sorkin

Tra gli sceneggiatori più celebrati dell'attuale panorama hollywoodiano, figura sicuramente Aaron Sorkin, uno di quegli autori – maestri della parola – capaci di divorare intere pellicole col suo fare logorroico e trascinante. L'avevamo già capito dalle sue serie tv (su cui svetta The Newsroom), e nel cinema ne abbiamo avuto soprattutto prova in The Social Network di David Fincher, con cui ha trionfato in tutte le cerimonie di premiazione più impotanti dell'industria, dagli Oscar ai Golden Globe, passando per i Bafta e i Critics Choice. 

Anche l'ultimo film in cui ha lavorato, Steve Jobs di Danny Boyle, ha raccolto recensioni entusiaste, con molti giornalisti che – ancora una volta – hanno sottolineato il grande contributo dello sceneggiatore al risultato finale dell'opera. E quando uno scrittore è davvero così forte e carico di energia, è inevitabile che prima o poi passi allo stadio successivo, ovvero dietro la cinepresa. Così è anche per Sorkin, che sta attualmente preparando il suo debutto registico per la Sony Pictures Entertainment.

Titolo del progetto è Molly's Game, biopic su Molly Bloom, la cui vita è di quelle che odorano veramente di incredulità cinematografica. Grande sciatrice fin da giovane, scelse di trasferirsi a Los Angeles dopo aver fallito le qualificazioni alle Olimpiadi; nella città degli angeli, riuscì poi a farsi una carriera come organizzatrice di incontri clandestini di poker per celebrità (su cui spiccano Ben Affleck, Leonardo DiCaprio e Tobey Maguire), prima di finire arrestata dalle forze dell'ordine. 

[Leggi anche: "Steve Jobs" di Danny Boyle: ecco il nuovo sfavillante trailer italiano]

Chiaramente, lo script porterà la firma di Sorkin, mentre tra i produttori troviamo il grande Mark Gordon, forte di una scintillante carriera che vanta già titoli come Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg, Soldi sporchi di Sam Raimi e Speed di Jan de Bont, oltre che celebri serie tv quali Grey's Anatomy e Criminal Minds

Categorie generali: 

Facebook Comments Box