Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 9 Aprile 2015

John Singleton lascia il progetto a causa di divergenze artistiche e creative. Morgan Creek Productions ha chiamato Carl Franklin a sostituirlo. Il rapper Shakur fu ucciso nel 1996 in circostanze misteriose

Il regista John Singleton

Poco più di un anno dopo aver siglato l’accordo per la regia della biografia del rapper, attivista e attore statunitense Tupac Shakur, il cineasta John Singleton sembra abbia ormai aver deciso di abbandonare il progetto filmico. Le cause dello strappo con la produzione di Morgan Creek Productions paiono essere alcune divergenze artistico-creative. Il regista di 2 Fast 2 Furious dovrebbe essere ora sostituito dall’americano Carl Franklin. Solo pochi mesi fa, Singleton aveva parlato del film, del quale aveva già una sceneggiatura, proprio sul tappeto rosso degli Oscar. Le sue dichiarazioni però, tradivano già qualche ambiguità. Ecco cosa diceva: “Ho una sceneggiatura e la benedizione della famiglia di Tupac. Non potrei mai fare un cattivo film, sarebbe qualcosa con cui dovrei convivere per tutta la vita. In questo film ho bisogno di far sentire liberamente la mia voce, senza ovviamente essere offensivo con nessuno, ma non posso subire continui condizionamenti né ascoltare troppi suggerimenti. Siamo in fase di stallo e sarò pronto a partire solo quando sarò convinto che potrò lavorare bene”.

La sceneggiatura originale di Tupac era stata rivista proprio da Singleton, che fu la prima scelta per il lungometraggio, data la sua amicizia e collaborazione professionale col rapper, che aveva diretto nel 1993 in Poetic Justice. Il cineasta aveva scritto poi specificamente per il musicista Baby Boy, interpretato da Tyrese Gibson dopo l'assassinio di Las Vegas dello stesso Tupac.

I problemi per lo sviluppo dell’opera biografica sono emersi quando la madre del rapper, Afeni Shakur, ha posto degli ostacoli a Morgan Creek Productions sulle questioni relative ai diritti cinematografici sulla vita del figlio.

[Leggi anche: John Singleton produce un progetto indie sulla bisessualità femminile]

Tupac Shakur è stato, e continua a essere, una delle grandissime icone del gangsta rap della West Coast; la sua fama divenne enorme a cavallo fra gli anni 80 e 90 finché nel 1996 fu misteriosamente ucciso a colpi d’arma da fuoco a Las Vegas. Il caso del suo omicidio, a oggi, non è ancora stato risolto: la sua vicenda è controversa, soprattutto se collegata alla morte, avvenuta pochi mesi dopo in simili circostanze, del suo amico e collega Notorious B.I.G. In definitiva, non è ancora chiaro quando la produzione prenderà il via. Singleton si è tirato fuori, ora tocca a Franklin, noto al grande pubblico per Il diavolo in blu e Out of Time, entrambi con Denzel Washington.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box