Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 20 Maggio 2016

Il capolavoro di Akira Kurosawa tornerà sul grande schermo grazie alla produzione della sua Datang International Entertainment

Rashomon

Oggi che una vicenda venga raccontata da diversi punti di vista al cinema è una cosa che diamo per scontato. Non ci sconvolge più l’idea che un film possa prendere diverse posizioni e prospettive, mostrare un evento mettendo in crisi il concetto di univoca verità. Per tutti questi traguardi che ci appaiono ormai scontati dobbiamo ringraziare il maestro Akira Kurosawa (1910-1998), il regista di Rashomon che a distanza di decenni è ancora considerato uno dei film fondamentali della storia del cinema.

Nessuno o quasi riesce a sfuggire alla ferocia del remake e infatti da Cannes arriva la notizia:  Alice Wang dirigerà un rifacimento della pellicola datata 1950 in cui si raccontava delle accuse per aver ucciso un samurai rivolte ad un commerciante attraverso le ricostruzioni di tre testimoni.

Sarà quindi la regista taiwanese a doversi confrontare con Rashomon che nel 1951 ricevette il Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia e l’anno seguente venne premiato con l’Oscar per il Miglior Film Straniero. Un progetto su cui si concentreranno diverse aspettative e che a qualcuno potrebbe sembrare un poco inutile, ma visto il numero continuo di remake che si producono oggi è necessario che ci si interroghi sul ruolo che questi possono ricoprire nel panorama cinematografico attuale. Forse è necessario accettare il fatto che, come accade nel teatro ad esempio, anche nella settima arte ad un certo punto gli artisti sentano il bisogno di misurarsi nuovamente con alcune grandi opere del passato, anche se senza dubbio questa è la spiegazione “romantica” che non sempre è riscontrabile nella quotidianità.

[Leggi anche: I 100 film preferiti di Akira Kurosawa]

La regista è anche una produttrice e come tale figurerà anche in questo progetto con la sua Datang International Entertainment in collaborazione con la  DLE Japan.

Pare che quest’edizione del Festival di Cannes sia particolarmente positiva per la casa di produzione della Wang che ha appena firmato anche per aggiudicarsi la co-produzione di Fish Sword, action comedy cinese così come il musical  Veteran and the Beauty.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box