Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 27 Febbraio 2016

L'attore de "I fantastici quattro" si è proposto alla MGM per interpretare il ruolo che fu di Steve McQueen e Pierce Brosnan

Micheal B. Jordan

Prima Steve McQueen, poi Pierce Brosnan e infine Michael B. Jordan. Cosa accomuna questi tre attori appartenenti a tre generazioni diverse? Il ruolo di Thomas Crown, astuto uomo d’affari miliardario che per noia gioca – riuscendoci tra l’altro parecchio bene – a fare il ladro. Il primo film risale al 1969, era diretto da Norman Jewison e accanto all’attore de I magnifici sette c’era Faye Dunaway nei panni di Vicki Anderson, un’affascinante detective che durante le indagini si innamora del protagonista.

Nel 1999, quando ancora i sequel non andavano poi così di moda, uscì Gioco a due di John McTiernan con Rene Russo nei panni dell’investigatrice e Pierce Brosnan nel ruolo del ladro che però in questo caso non rapina una banca ma sottrae il San Giorgio Maggiore al crepuscolo di Claude Monet al Metropolitan Museum di New York.

Ecco che siamo giunti ai giorni nostri, perché l’Hollywood Reporter riporta la notizia secondo la quale Michael B. Jordan si sia proposto di sua iniziativa alla MGM per interpretare il protagonista nel nuovo, ennesimo rifacimento de Il caso Thomas Crown.

[Leggi anche: Recensione di Creed - Nato per combattere | Stallone non sbaglia]

Si può dire che l’attore di recente visto in Creed – Nato per combattere (spinoff di Rocky in cui Jordan tornerà a recitare anche nell’ottavo capitolo), sia uno di quelli che si sta meglio riprendendo dal fallimento del reboot de I fantastici 4, secondo molti uno dei peggiori film del 2015. A quanto pare non ci sono ancora i nomi del regista o dello sceneggiatore incaricato di riscrivere la storia dell’uomo d’affari bello e dannato che seduce la sua nemica, personaggio che per il momento 

Il primo film venne oscurato dall’immensa personalità e popolarità di Steve McQueen, il secondo sembrò più che altro un modo per far salire la fama di Brosnan, c’è da sperare che quest’ulteriore progetto abbia una marcia in più, staremo a vedere.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box