Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 30 Giugno 2015

Continuano le accoglienze positive verso "Humans", nuova serie tv targata AMC e Channel 4. Al centro delle vicende, un mondo in cui gli esseri umani e artificiali sono sempre più connessi e interscambiabili

Humans

Tra le serie tv più lanciate dell'attuale panorama internazionale, impossibile non citare Humans, il cui debutto è avvenuto proprio questo mese sulle emittenti Channel 4 ed AMC, catalizzando immediatamente gli spettatori e la critica. Era infatti dal 1992 che la Channel 4 non riscuoteva un così ampio consenso di pubblico, a cui sono poi seguite le recensioni d'importanti pubblicazioni anglofone. Per USA Today trattasi di un'opera “avvincente e ben recitata che esplora chi siamo e quanto possa essere fragile la nostra stretta all'umanità”, mentre il New York Times ha parlato di una serie “che gode di freschezza grazie ad una narrazione che segue molti plot, un abile cast, e il suo rifiuto di essere semplicistico”.  Non male per uno sci-fi, genere che nel mondo televisivo conosce raramente il successo. 

Tratto dalla serie svedese Real Humans, al centro della narrazione è un mondo in cui il confine tra esseri umani e artificiali è ormai diventato molto labile. In quest'epoca imprecisata ma futuristica, l'ultimo oggetto di moda è il Synth, un servo robotico che ha le totali fattezze di una persona. Il prodotto trasformerà molte vite e scombussolerà esistenze ed equilibri.

Nel cast, diversi volti noti al popolo televisivo, a iniziare da Colin Morgan, precedentemente protagonista del fantasy Merlin; con lui, la Gemma Chan di Diario di uno squillo perbene e la Katherine Parkinson di The Honourable Woman. Firmano invece gli episodi Jonathan Brackley e Sam Vincent, duo già responsabile di Spooks, serie tv britannica trasmessa dal 2002 al 2011. 

[Leggi anche: "Westworld": Anthony Hopkins, Evan Rachel Wood e J. J. Abrams in una nuova serie]

Otto gli episodi attualmente previsti dalla produzione, che potrebbero essere aumentati da un'eventuale seconda stagione. Ha infatti rivelato Gemma Chan in un'intervista a Den of Geek: “La prima stagione non sarà totalmente completa alla fine. Ci saranno definitivamente delle aree da esplorare per un prosieguo”. I fan staranno dunque pregando affinché la serie sia rinnovata, ma questo dipenderà unicamente dall'accoglienza dei prossimi episodi. Se manterrà una buona media e le critiche continueranno a rimanere positive, allora state sicuri che la AMC e Channel 4 non perderanno l'occasione per mettersi in tasca ulteriori soldini. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box