Ritratto di Fiaba Di Martino
Autore Fiaba Di Martino :: 25 Giugno 2015
Locandina di Ruth & Alex - L'amore cerca casa

Recensione di Ruth & Alex - L'amore cerca casa di Richard Loncraine: Una commedia pacata, garbata e onesta, contro la frenesia indomabile della contemporaneità

I due anziani coniugi Ruth e Alex stanno per trasferirsi, vendere e lasciare il loro appartamento, situato in un quartiere di Brooklyn piccolo e familiare a cui “manca solo l’ultimo elemento della moderna civilizzazione: l’Apple Store”. Per l'occasione, la casa viene invasa da una nipote con isteriche manie di controllo (Cynthia Nixon, volutamente identica al proprio personaggio in Sex and the City) e dal via vai di aspiranti inquilini con la puzza sotto il naso. In sottofondo al trambusto privato, un caso pubblico di prevedibile discriminazione a seguito di un (apparente) attentato terroristico. E, dentro ai pensieri di Alex, l’inesorabile, crescente nostalgia: l’attaccamento agli oggetti, ai ricordi impressi nella casa, alla routine così rassicurante e amabile. Opposta a un mondo che è cambiato, a un’industria dell’arte che è ormai mercato di consumo cieco e che vede le opere di Alex - pittore - come blanda merce scaduta nemmeno da rottamare. Così come il loro appartamento, e proprio come la cagnolina che non vogliono lasciare andare (“Dopotutto è più giovane di te in anni di cane”).

[Leggi anche: Morgan Freeman: "Fumo, bevo e sniffo marijuana!"]

Scorre così Alex & Ruth – L’amore cerca casa, sommando a un presente a cui acconsentire e assecondare senza scendere a compromessi, vibrazioni cronologiche (e didascaliche) di un passato mai davvero semplice, eppure sempre davvero scosso dall’amore. Morgan Freeman/Alex osserva il brulicare affannoso, schizofrenico della gente moderna con morbido sarcasmo e sorridente distacco, tanto quanto la commedia stessa non si separa – come la maggior parte di quelle appartenenti al filone – dalla realtà in cui è innestata, senza però lasciare prendere il sopravvento all’enunciato sociopolitico, permettendogli di esistere come ente integrante della narrazione e della vite placide e compartecipi della coppia.
E, infine, di fondersi sorprendentemente con la delicata epifania finale, con la consapevolezza che se tutti corrono, non dobbiamo necessariamente stare al loro passo. Freeman e Keaton, ben amalgamati e in grado di reggersi il gioco con una disinvoltura da maestri, contro la frenesia indomabile della contemporaneità, fanno il resto.

Trailer di Ruth & Alex - L'amore cerca casa

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box