Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 19 Dicembre 2015

L'Italia è il paese della commedia, un genere che può assumere mille sfumature. Ecco cinque titoli che hanno fatto la storia del cinema

Johnny Stecchino

La commedia è un genere che spesso viene bistrattato, considerato inferiore. È vero, nel nostro paese ha una predominanza eccezionale, a volte eccessiva, ma non si può dimenticare che il cinema italiano ha saputo regalare dei momenti altissimi grazie alle commedie. E non si tratta solo di essere la terra che ha creato la famosa commedia all’italiana perché, come nota Joao Braga sul sito tasteofcinema.com in cui ha stilato la classica delle trenta commedie italiane più belle di tutti i tempi, si tratta di un genere che può assumere mille forme. Ecco cinque titoli che non ci stancheremo mai di rivedere.

I soliti ignoti
Può sembrare una scelta scontata, forse lo è, ma se si parla di commedia nel senso più alto del termine non si può non pensare a Mario  Monicelli. I personaggi del film datato 1958 sono magnificamente delineati, la banda di ladruncoli romani è rimasta indelebile nell’immaginario collettivo degli italiani. Nel cast oltre a Vittorio Gassmsn ci sono Mastroianni, Totò e Claudia Cardinale.

Sedotta e abbandonata
Un altro grande nome della commedia (ma non solo) italiana è quello di Pietro Germi. In Sedotta e abbandonata ci sono tutti i luoghi comuni sul meridione, è un affresco sociale con una giovanissima Stefania Sandrelli che interpreta una ragazza che si invaghisce del fidanzato della sorella.

Bianco rosso e verdone
Carlo Verdone interpreta Furio, Mimmo e Pasquale, tre personaggi in viaggio per la Penisola durante la settimana elettorale. Gli americani l’hanno riconosciuta come una delle migliori  commedie di sempre, peccato davvero non possano cogliere le sfumature linguistiche della Sora Lella, una delle figure più spassose della nostra storia.

Johnny Stecchino
Roberto Benigni soprattutto nel primo periodo della sua carriera è stato il simbolo della rinascita della commedia. Scegliere tra i suoi titoli non è facile, ma forse nessuno eguaglia Johnny Stecchino. Scritto con Vincenzo Cerami, il film è basato su uno dei punti cardini della commedia classica ovvero lo scambio di personalità.

[Leggi anche: I capolavori di Stanley Kubrick trasformati in commedie per famiglie]

Pane e cioccolata
Il film di Franco Brusati con Nino Manfredi è la prova che dietro alla commedia spesso si nascondono temi dalle tinte tragiche. Si ride durante la storia di Nino Garofalo, italiano emigrato in Svizzera, ma si tratta di un riso amaro, che aiuta anche a riflettere e a comprendere meglio la contemporaneità.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box