Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 8 Luglio 2016

Il film diretto dallo scozzese Douglas Gordon sarà presentato in anteprima mondiale il 4 agosto

I Had Nowhere To Go

Jonas Mekas è un artista, regista e scrittore lituano classe 1922 che durante il regime nazifascista fu costretto a lasciare la sua terra per sfuggire alle persecuzioni. Trasferitosi negli Stati Uniti ha poi iniziato a dedicarsi al cinema di avanguardia ed è noto per i suoi film sperimentali. La sua vita potrebbe essere la trama di un film e infatti qualcuno ha preso in parola quest’affermazione, decidendo di lavorare ad una pellicola che raccontasse la vita dell’artista lituano.

Il titolo del film in questione è I Had Nowhere To Go e sarà presentato in anteprima mondiale alla prossima edizione del Festival del film di Locarno che si terrà in Svizzera dal 3 al 13 agosto 2016.

La regia è stata curata da Douglas Gordon, artista scozzese noto per il suo lavoro anche nell’ambito nella fotografia e della video arte.

Il film, tratto dal diario dello stesso Jonas Mekas, farà parte del  Concorso Cineasti del presente, la sezione che propone opere prime o seconde  di registi emergenti provenienti da tutto il mondo ed è sostenuto per il terzo anno consecutivo da Nescens.

L’appuntamento è quindi per giovedì 4 agosto, quando il film sarà presentato in anteprima mondiale come serata inaugurale della sezione.

[Leggi anche: Il Festival di Locarno quest’anno premierà Alejandro Jodorowsky]

“Quest’anno abbiamo deciso di aprire il Concorso Cineasti del presente con un film frutto di una collaborazione tra due artisti di fama internazionale: Douglas Gordon, che da qualche anno si sta interessando anche all’universo dell’evento filmico, e Jonas Mekas, splendido 93enne, pieno di energia e grande affabulatore” ha dichiarato Carlo Chatrian, Direttore Artistico del Festival. “Non voglio svelare nulla di questo straordinario progetto, ma posso dire che ciò che Douglas Gordon propone è una vera e propria esperienza sensoriale, che rimette in causa il concetto di visione e collega l’idea del presente al tema della memoria”.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box