Ritratto di Rosa Maiuccaro
Autore Rosa Maiuccaro :: 7 Ottobre 2014

Fervono i preparativi per il London Film Festival che prenderà il via mercoledì con Benedict Cumberbatch e Keira Knightley che presenteranno "The Imitation Game - L'enigma di un genio" e chiuderà il 19 con Brad Pitt, protagonista di "Fury"

una scena di "Fury", film di chiusura del London Film Festival

I riflettori di Leicester Square, al centro di Londra, stanno per accendersi ed illuminare i bei volti di Benedict Cumberbatch e Keira Knightley, i due protagonisti de The Imitation Game - L'enigma di un genio, film  scelto per l’apertura del London Film Festival. Prima di dare il suo caldo benvenuto a Brad Pitt che presenterà il suo Fury con il regista David Ayer, il pubblico inglese (e non solo) vivrà circa due settimane di grande cinema con delle anteprime e degli ospiti sensazionali. Tanto per cominciare gli organizzatori del London si sono assicurati le prime mondiali del mystery/drama The Falling, esordio alla regia di Carol Morley, già nota per il bellissimo documentario Dreams of a Life sulla donna morta nel suo letto nel 2003, il cui corpo fu rinvenuto solo tre anni dopo in stato di decomposizione. Debutterà nella city anche Testament of Youth con Emily Watson e Dominic West, ambientato nella prima guerra mondiale.

Farà ritorno a Londra Jason Reitman che l’ha scelta per l’anteprima mondiale del suo Men, Women & Children, la storia di un gruppo di teenager e dei loro genitori al tempo di internet. Non poteva che scegliere la stessa location anche il prolifico regista inglese Michael Winterbottom che dopo The Trip to Italy, è tornato nel Belpaese per girare The Face of an Angel, ispirato all’omicidio di Meredith Kercher e alla successiva condanna per omicidio della studentessa americana Amanda Knox. Tra le anteprime europee segnaliamo inoltre The Drop, una delle ultime occasioni per vedere sul grande schermo James Gandolfini, recentemente scomparso, Mia Wasikowska nei panni di Madame Bovary; Wild con Reese Witherspoon da una sceneggiatura di Nick Hornby; The New Girlfriend, l’ultima opera dell’estroso François Ozon e una doppia Susanne Bier che presenterà sia Susanna con la consolidata coppia Lawrence/Cooper che A Second Chance.

[LEGGI ANCHE The Imitation Game apre il London Film Festival]

Da Cannes arriverà una serie di titoli di primo livello come Timbuktu di Abderrahmane Sissako, che sarà anche il protagonista di una masterclass; Still the Water di Naomi Kawase; Mr Turner di Mike Leigh (Palma d’Oro a Cannes a Timothy Spall); il commovente The Disappearance of Eleanor Rigby con la coppia Chastain/McAvoy; la sorpresa Mommy del giovane canadese Xavier Dolan; Foxcatcher di Bennett Miller con Steve Carell e Channing Tatum. Non mancheranno tuttavia le grandi assenze tra cui quella del poker di belle formato da Kristen Stewart, Kate Winslet (che aveva però calcato il palco lo scorso anno ed è la protagonista del secondo film da regista di Alan Rickman, A Little Chaos), Jennifer Gardner, Jessica Chastain e Jennifer Lawrence. L’ex star di Twilight, in particolare è protagonista dell’interessante pellicola Camp X-Ray, presentata in anteprima al Sundance, che la vede vestire i panni di una guardia carceraria a Guantanamo Bay.

[LEGGI ANCHE Alan Rickman al Giffoni Film Festival]

Anche tra i maschietti non sfileranno sul red carpet londinese Adam Sandler, Channing Tatum, Bradley Cooper e Ansel Elgort (reduce dal successo mondiale di Colpa delle Stelle)... Brad Pitt, Viggo Mortensen, James McAvoy, la dolcezza di Logan Lerman e la stravaganza di Shia LaBeouf non lasceranno sicuramente scontento il pubblico femminile. Non si possono di certo lamentare gli italiani che arriveranno da Venezia al gran completo per presentare quasi tutti i film tra il concorso e le Giornate degli Autori.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box