Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 7 Dicembre 2015

L'International Documentary Association ha premiato il film di Joshua Oppenheimer sulla pulizia etnica avvenuta in Indonesia negli anni Sessanta

The look of silence

The Look of silence, il drammatico e straordinario documentario diretto dal regista statunitense Joshua Oppenheimer continua a far parlare (positivamente) di sé, continua ad essere visto e soprattutto ad essere premiato.

Il film del 2014 racconta la pulizia etnica portata avanti da gruppi paramilitari nei confronti di comunisti, minoranze etniche e oppositori politici, avvenuta in Indonesia tra il 1965 e il 1966. E dopo The Act of Killing – documentario dello stesso regista in cui si mostravano i carnefici – questa volta il punto di vista è quello dei famigliari delle vittime.

The Look of Silence ha ricevuto un premio come miglior documentario del 2015 che gli è stato consegnato dall’International Documentary Association.

Il film, che era stato nominato agli Oscar come miglior documentario, ha dovuto vedersela con Amy – dedicato alla vita della giovane Amy Winheouse morta a soli ventisette anni -, The Black Panthers: Vanguard of the Revolution, Listen to Me Marlon, The Russian Woodpecker e altri titoli in gara.

Il premio ABC News VideoSource, che ad ogni edizione viene consegnato a chi ha adoperato in modo eccellente materiale d’archivio, è andato invece a Best of Enemies, documentario sui dibattiti televisivi tra Gore Vidal e William F. Buckley.

Per quanto riguarda i documentari provenienti dal mondo della televisione, il premio per la miglior mini serie è andato a The Jinx - La vita e le morti di Robert Durst di Andrew Jarecki in cui si racconta la vita del milionario accusato di tre omicidi tra cui quello di sua moglie. La miniserie è andata in onda negli Stati Uniti sulla HBO e in Italia è in programmazione proprio in questi giorni su Sky TG 24.

[Leggi anche: Recensione di The Look of Silence | Un Oppenheimer che replica ma non convince]

Il riconoscimento per il miglior montaggio è stato dato a Kurt Cobain: Montage of Heck, film sul quale gli amanti dei Nirvana hanno discusso molto viste le scene di grande intimità familiare in cui si vede un Kurt Cobain vittima della tossicodipendenza.

  

Categorie generali: 

Facebook Comments Box