Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Settembre 2015

Nonostante i chili in più e un'improponibile giacca verde, Johnny Depp è stato accolto al Festival di Venezia come se fosse Dio in terra. Ecco che cosa ci ha rivelato sul suo nuovo film, "Black Mass - L'ultimo gangster"

Johnny Depp

Johnny Depp assoluta star qui al Festival di Venezia. L’attore, sbarcato al lido per presentare Black Mass – L’ultimo gangster di Scott Cooper (dove affianca, tra gli altri, Benedict Cumberbatch, Joel Edgerton e Dakota Johnson), è stato accolto da un bagno di folla formato da ragazzine urlanti pronte a venerarlo come se fosse dio sceso in Terra. Palesemente ingrassato e vestito nel peggiore dei modi (una giacca verde che parrebbe gonfiarlo ancora di più), il divo si è poi presentato in conferenza stampa con una bottiglia di birra in mano: come a dire che avrà pur messo su qualche chilo, ma lo spirito rock n' roll è sempre il medesimo.

Rivela l’attore riguardo il suo ruolo nel film, quello del feroce criminale James Bulger: “Per interpretare un personaggio simile, credo che si debba approcciarlo come fosse un essere umano. Nel senso, nessuno si sveglia la mattina, si rade la barba e poi si guarda allo specchio pensando ‘Io sono diabolico’, oppure ‘Oggi farò qualcosa di diabolico’. Credo che nel contesto dei suoi affari, non solo la violenza fosse parte del lavoro, ma era anche una sorta di linguaggio con cui riusciva a farsi capire dalle persone con cui aveva a che fare”.

La cosa più divertente del ruolo? Il dinamismo e la complicatezza del personaggio: “È esilarante quando puoi cambiare marcia da 90 a 20 e poi da 20 di nuovo in salita fino a 120. È una sfida. Non posso dire soddisfacente, perché penso che la soddisfazione sia una cosa negativa da provare perché poi diventi noioso. Era complicato perché poteva aiutare una vecchietta a portare a casa la spesa, e poi 10 minuti dopo spaccare la testa a qualcuno”.

Una trasformazione radicale quella di Depp, che nel film esibisce degli affascinanti occhi blu e una testa quasi pelata con pochi capelli biondi. Prosegue: “Pensavo che fosse molto molto importante assomigliare il più possibile a Bulger. I miei occhi sono nerissimi, e le lenti a contatto blu sono state colorate a mano perché dovevano essere penetranti. Dovevano colpire nel profondo”.

[Leggi anche: Johnny Depp: i migliori e i peggiori film dell'outsider di Hollywood]

Soddisfatta la stampa internazionale che ha assistito all’anteprima veneziana, con lodi arrivate da pubblicazioni come The Guardian, Independent, Hollywood Reporter e Variety. Meno convinti noi di Farefilm, e potete leggere la nostra recensione. Black Mass - L'ultimo Gangster uscirà nelle sale italiane il 18 settembre: siete eccitati di vederlo?

Categorie generali: 

Facebook Comments Box