Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 18 Luglio 2015

Finalmente online il primo trailer dell'attesissimo "The Revenant" di Alejandro González Iñárritu, che sembrerebbe veramente promettere il meglio in quanto ad adrenalina, virtuosismo e intensità. Nel cast: Leonardo DiCaprio e Tom Hardy

Leonardo DiCaprio in The Revenant

Gioia e fibrillazione tra i cinefili: è stato finalmente pubblicato il trailer dell'attesissimo The Revenant, nuovo film di Alejandro G. Iñárritu, che vede per protagonista un Leonardo DiCaprio abbandonato dai suoi compagni in mezzo alla natura selvaggia e poi tornato per vendicarsi. Con lui in quest'avventura, gli altrettanto lanciati Tom Hardy e Domhnall Gleeson.

Inutile dirlo, il filmato non fa che aumentare il nostro già pompatissimo hype: poco più di 2 minuti ed è pura esaltazione, mentre la cinepresa del regista, immersa fra queste lande sperdute in mezzo a foreste e neve, compie vorticosi movimenti inseguendo senza tregua i combattimenti e le sparatorie. Adrenalina iniettata in vena che non lascia un attimo di respiro: DiCaprio passa dalla rabbia alla disperazione alla sperdutezza come fosse il miglior attore del mondo; e, probabilmente, lo è per davvero.

Un inestimabile valore aggiunto è poi la fotografia di Chivo aka Emmanuel Lubezki, la cui gloriosa carriera comprende delle passate collaborazioni con autori come Terrence Malick (Tree of Life), Alfonso Cuaron (Gravity), Tim Burton (Sleepy Hollow) e i fratelli Coen (Burn After Reading), oltre ovviamente a Inarritu stesso, grazie al quale ha vinto il suo secondo Oscar per Birdman. Se poi ci aggiungiamo la presenza di Stephen Mirrione in cabina di montaggio (Academy Award nel 2001 per Traffic di Soderbergh) e le scenografie di Jack Fisk (il cui curriculum vanta, tra gli altri titoli, Il petroliere di P. T. Anderson, Mulholland Drive di Lynch e La sottile linea rossa di Malick), allora siamo proprio a cavallo!

[Leggi anche: Alejandro González Iñárritu - L'autore di "Birdman" ci svela i suoi film preferiti di sempre]

Beato il festival autunnale che si prenderà questo film in anteprima mondiale. Se Barbera e soci riuscissero a portarlo a Venezia sarebbe un miracolo divino, ma è molto probabile che l'opera slitti direttamente a New York in ottobre o all'AFI in novembre. Per l'uscita regolare nelle sale cinematografiche, invece, gli States se lo godranno il 25 dicembre, mentre in Italia bisognerà aspettare il 28 gennaio. Noi annusiamo una pioggia di premi: che possa essere in arrivo il secondo Oscar consecutivo per l'autore messicano? E, soprattutto, ce la farà stavolta il caro Leo ad avere finalmente la sua statuetta d'oro? 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box