Ritratto di Giulia Marras
Autore Giulia Marras :: 24 Novembre 2014
Locandina di Ogni maledetto Natale

Recensione di Ogni maledetto Natale con Francesco Pannofino, Valerio Mastandrea e Corrado Guzzanti | Dimenticatevi luci, regali e romanticherie: il Natale diventa la festa più terribile dell'anno, tra vizi, folli tradizioni e strani parenti

La premiata ditta creatrice dell'unica serie che ha saputo rompere gli schemi italiani, Boris, mette in scena per questo Natale non la magica atmosfera delle luci colorate, o il tepore delle case addobbate, e neanche la gioia frenetica dei bambini nello scartare i regali. Sicuramente non il piacere di ritrovarsi per il cenone o il pranzo insieme a tutti i parenti. Per Ciarrapico, Torre e Vendruscolo il Natale è invece la festa delle tenebre, il momento più terribile dell'anno, tra Babbi delinquenti, lo shopping obbligato, il freddo e la solitudine. E poi, le fatidiche riunioni familiari. Ogni maledetto Natale racconta infatti le esperienze mistiche e allo stesso tempo dissacranti di due giovani innamorati, Massimo (Alessandro Cattelan) e Giulia (Alessandra Mastronardi), che si ritrovano a passare le feste dalle rispettive famiglie.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Tra le tradizioni più deliranti di casa Colardo, parenti di Giulia, capitanati dal padre Pannofino, insieme agli zii Mastandrea, Guzzanti, Giallini, Sartoretti e Fresi, e dalla madre interpretata da un'irriconoscibile Laura Morante, in una Tuscia immaginaria e orrorifica fino al ridicolo, Massimo, massacrato per il suo inspiegabile lavoro nel Microcredito, viene coinvolto nelle assurde dinamiche del cenone. E da un tipo di follia si passa a un altro, quello della ricca famiglia Marinelli Ros, composta dai magnati del panettone e la loro servitù di filippini, che ci ricordano che il Natale non è che un business “spirituale in modo vago”, una festa che non c'entra niente con la religione.
Completamente agli antipodi, i personaggi sono in realtà i corrispettivi l'uno dell'altro, essendo interpretati dagli stessi attori: la ricorrenza diviene così l'occasione ideale per esaltare difetti, manie e mostruosità che sono propri di ogni famiglia, ad ogni livello sociale. I tre registi tentano quindi di stravolgere il cine-panettone dal suo interno, conciliando una canonica storia d'amore con le contraddizioni di una festività obbligata e ciecamente celebrata secondo le medesime tradizioni secolari malgrado la crisi e l'evoluzione sociale e culturale.

[Leggi anche: Recensione di Confusi e felici | Un ingessato Claudio Bisio per una commedia penosa]

Dopo il deboluccio Boris – Il film, il trio di autori riesce a ritrovare l'ispirazione già vista nella serie sul backstage della soap Occhi del Cuore, trattando il film di Natale come un prodotto da ricorrenza di cui parla Marinelli-Pannofino, da distruggere e rivoluzionare. E in parte ci riesce grazie a momenti particolarmente comici (il filippino fascista, il gioco della Spurchia), ma in parte ricade nella sua stessa trappola, affidandosi fin troppo alla nota bravura dei suoi protagonisti e concedendosi un classico e stantio lieto fine e quel “ciarpane romantico” che intendevano rifuggire. In ultima istanza, Ogni maledetto Natale si rivela il tentativo fallito di rifondazione del genere cine-panettone, quando forse, in fondo, occorrerebbe semplicemente proporsi fuori dalle dinamiche commerciali delle uscite cinematografiche "comandate", esattamente come si cerca di reinterpretare la festa comandata natalizia.
Infine, la nota più piacevole è certamente la presenza di Corrado Guzzanti che, nonostante le due parti soffocanti, mostra una vera libertà espressiva, ed è sempre entusiasmante ritrovare al cinema.

Trailer di Ogni maledetto Natale

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box