Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 7 Marzo 2016

La Limitless, una startup americana, sta lavorando ad una tecnologia che permetta ai personaggi della realtà virtuale di rispondere agli stimoli degli utenti

Gary the gull

La tecnologia che orbita attorno alla realtà virtuale sta evolvendo di giorno in giorno. Sempre più piattaforme stanno cominciando a sperimentare software che permettano all’utente di immergersi completamente all’interno di ciò che sta vedendo e sentendo per fare in modo che la fruizione sia un’esperienza che si avvicina sempre di più alla vita vissuta.

Ma qual è l’unica cosa che ancora rappresenta un ostacolo alla verosimiglianza? La realtà virtuale prevede l’interattività, ma presenta ancora una mancanza fondamentale: la reattività dei personaggi. È per questo che Limitless, una startup di Seattle, sta lavorando proprio ad una nuova tecnologia per permettere ai suoi essere animati di essere reattivi. Fondata da Tom Sanocki, ex collaboratore della Pixar, la Limitless sta quindi cercando di risolvere la questione permettendo ai suoi personaggi di reagire agli stimoli provenienti dall’utente dotandoli anche di parola.

La compagnia è pronta a mostrare al mondo il primo demo della sua nuova tecnologia in occasione del Game Developer Conference che si terrà la prossima settimana a San Francisco. Sarà questa l’occasione in cui Mark Walsh – anche lui ex Pixar e fondatore della Motional – presenterà il suo cortometraggio in realtà virtuale ambientato in una spiaggia assolata in cui si avrà il piacere di conoscere Gary the gull (Gary il gabbiano), un simpatico pennuto desideroso di fare amicizia con qualche umano.

Durante il filmato – costruito con la tecnologia Limitless – sarà possibile interagire con Gary il quale sarà in grado di rispondere a stimoli vocali e di riconoscere la posizione di chi gli parla.

[Leggi anche: Ecco come sarebbero i personaggi Disney o Pixar se fossero persone vere (fotogallery)]

Nell’ottica di far diventare i personaggi sempre più reattivi, la startup ha intenzione di agevolare gli sviluppatori  di realtà aumentata, permettendo loro di aggiungere personaggi predefiniti all’interno delle singole creazioni.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box