Ritratto di Simona Carradori
Autore Simona Carradori :: 22 Settembre 2016

Dopo il remake diretto da Brian De Palma è in arrivo una nuova versione di "Scarface", che a detta del regista Antoine Fuqua sarà attualissima e legata al problema dell'immigrazione in America

Scarface

Dopo il remake de I Magnifici 7 - mostrato come film di chiusura al Festival del Cinema di Venezia - il regista Antoine Fuqua si prepara a mettere le mani anche su Scarface, il cult del 1932 diretto da Howard Hawks e Richard Rosson, divenuto celebre anche grazie alla versione del 1983 di Brian De Palma, con Al Pacino nei panni dell'iconico protagonista Tony Montana.

Conosciamo tutti la storia: un immigrato - italiano nell'originale, cubano nel remake - fugge in America, dove da criminale qualunque inizierà una lunga e pericolosa scalata verso il potere, la gloria e il denaro. 

[Leggi anche: "Scarface": Antoine Fuqua in trattative per il remake]

Il protagonista del remake di Fuqua arriva dal Messico, una scelta che il regista ritiene estremamente attuale e sovrapponibile con l'America di oggi: "Ho letto la sceneggiatura ed è davvero interessante e attuale. Abbiamo ancora gli stessi problemi con il Sogno Americano, perché in realtà il gioco è truccato, giusto? Non è vero che tutti hanno le stesse chance di successo, anche se la promessa che viene fatta loro è quella. Questo è sempre rilevante, come è rilevante quello che sta accadendo in Messico, che è il paese di origine del nuovo personaggio. C'è gente che parla di costruire muri o altro. Non sappiamo ancora come affrontare la questione dell'immigrazione".

Al momento non si sa altro sul progetto, ed è lo stesso Fuqua ad ammettere che non ci sono ancora conferme per quanto riguarda l'attore protagonista che avrà l'onere di misurarsi con il suo predecessore. Restiamo quindi in attesa di ulteriori sviluppi.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box