Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 3 Febbraio 2016

Secondo l'attrice, il personaggio di DiCaprio in "Titanic" avrebbe potuto sopravvivere

Titanic

Sembra passato un secolo da quando Leonardo DiCaprio e Kate Winslet interpretavano Jack e Rose, da quando a bordo del transatlantico più famoso del mondo una nobildonna inglese subiva il fascino di un giovane di terza classe.

Tutti ricordano come finisce il film di James Cameron e tutti ricordano che nella notte in cui il Titanic sta affondando, Jack Dawson aiuta Rose a salire su quel pezzo di porta dove stare al riparo dalle acque gelate dell’Oceano Atlantico. Lei si salva, lui no.

Ebbene c’è ancora qualcuno che continua a discutere intorno a questo finale tragico e romantico, perché secondo molte persone il personaggio di DiCaprio avrebbe potuto salvarsi, trovare un piccolo spazio sul pezzo di relitto accanto alla sua innamorata.

Proprio questa settimana Kate Winslet, ospite del programma Jimmy Kimmel Live, è tornata sull’argomento. Ultimamente lei e DiCaprio hanno avuto modo di incontrarsi diverse volte in occasione di premiazioni – la più recente il 30 gennaio ai SAG Awards – e proprio a proposito di ciò Jimmy Kimmel ha chiesto l’opinione della Winslet riguardo al finale di Titanic. Il conduttore ha affermato che secondo lui il personaggio di Rose ha lasciato che il suo amore morisse, “Sono d’accordo. Penso che avrebbe potuto trovare uno spazio su quella porta” ha ammesso l’attrice.

Saranno soddisfatti tutti quei fan che negli anni hanno tentato di dimostrare che Jack avrebbe potuto salvarsi, probabilmente gli stessi appassionati che ancora sperano (per ora invano, fortunatamente) che qualcuno si decida a produrre un Titanic 2.

[Leggi anche: Michael Fassbender e Kate Winslet nel trailer di "Steve Jobs", nuovo film di Danny Boyle]

James Cameron però già nel 2012 aveva rilasciato le sue dichiarazioni a riguardo, riconoscendo che DiCaprio sarebbe potuto salire su quel pezzo di legno, ma così avrebbe destinato entrambi a morte sicura non per questioni di spazio, bensì di galleggiabilità.

Il regista quindi sostiene la sua tesi con un’argomentazione scientifica che di conseguenza si trasforma in storia d’amore estrema e strappa lacrime.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box